Chi sono e cosa vogliono i Gilet Arancioni? 

Un movimento che parte dalla gente come te, che non si rassegna al malgoverno ed ai giochi di potere della classe politica. Andare in piazza in questo momento è l’ ultima speranza di salvare il nostro futuro e quello delle prossime generazioni. Siamo rappresentati da un grande Leader, Il Generale Antonio Pappalardo che per tantissimi anni ha servito il popolo nell’ Arma dei Carabinieri. 

Questo è il nostro Manifesto Programmatico:

 

 

PROGRAMMA POLITICO

Il Movimento Gilet Arancioni nasce spontaneamente nel popolo italiano, da cui trae linfa, senza alcun condizionamento politico, economico, sociale e culturale.

Il colore arancione si richiama alle arance del SUD, che diviene protagonista nella nuova Italia da fondare.

Il suo progetto politico prevede radicali trasformazioni dello Stato Italiano e delle sue relazioni internazionali.

  1. Revisione della Carta Costituzionale: restituzione della piena sovranità al popolo italiano:
  • Riscritturazione dell’art. 1 della Costituzione nel modo seguente:
  1. L’Italia è una Repubblica Federale su cinque Stati Confederati, Grande Nord, Grande Centro, Grande Sud, Grande Sicilia, Grande Sardegna.
  2. La sovranità appartiene al Popolo non può essere in alcun modo limitata. Sono fissate norme nella presente Carta esclusivamente per rendere più agevole il suo esercizio.
  3. I Popoli Italici, accettando questa Carta, proclamano solennemente la loro fedeltà alla pace, alla tolleranza e alla solidarietà, concorrendo a diffonderle e a tutelarle nel mondo”.
  • Abolizione dell’art. 75 della Costituzione nella parte in cui vieta al popolo sovrano di autorizzare con referendum la ratifica sui trattati internazionali;
  • Riscritturazione dell’art. 49 della Costituzione: “I cittadini determinano la politica nazionale mediante Movimenti Spontanei Popolari che, se provvisti di statuti democratici, debbono essere finanziati dallo Stato all’inizio della loro attività politica, per favorire l’alternanza al governo della Repubblica”.
  • Disciplina rigorosa dei partiti, che debbono avere statuti democratici e della Banca d’Italia, che deve essere controllata dal Parlamento;
  • Fuoriuscita dall’Europa e dall’euro e ritorno alla stampa delle moneta nazionale;
  • Referendum per la costituzione della Repubblica Confederale, su sei Stati Confederati (Grande Nord, Grande Centro, Grande Sud, Grande Sicilia, Grande Sardegna)
  • Elezione diretta del Capo dello Stato e del Capo del Governo
  • Elezione popolare dei membri della Corte Costituzionale
  • Istituzione di una sola Camera Legislativa, che sarà chiamata Congresso del Popolo, con eliminazione del Senato e dei Senatori a vita, con l’elezione di un parlamentare per ogni 500.000 abitanti;
  • Taglio degli stipendi ai parlamentari e dei dirigenti generali dello Stato, compresi i magistrati, con un massimo di 5.000 euro;
  • Revisione delle pensioni dei parlamentari che debbono essere attribuite con gli stessi criteri dei dipendenti comuni;
  • Riordinamento della magistratura, con distinzione delle carriere fra giudici e magistrati inquirenti
  • Riordinamento delle Forze di Polizia, su due polizie a carattere generale, distinte per territorio e materia
  • Riordinamento delle Forze Armate, su 30.000 militari addestrati per la difesa territoriale utilizzando le strategie della guerriglia
  • Istituzione della Guardia Ambientale Territoriale, con ordinamento civile, organizzata dallo Stato Maggiore Difesa e eliminazione della Protezione civile

 

  1. Ristrutturazione della Pubblica Amministrazione e riorganizzazione della vita sociale
  • Revisione dell’Agenzia delle Entrate e dell’INPS, per un fisco più equo e per attribuire ai sopravvissuti la piena reversibilità e ai pensionati gli incrementi previsti, senza alcuna limitazione;
  • Espulsione immediata di tutti gli extra comunitari irregolari, regolamentazione degli extra comunitari integrati (decreto di nomina del Commissario Straordinario).
  • Creazione della SONFI (Società Nazionale per Finanziarie le Imprese), per l’emissione di Obbligazioni Garantite Statali (OGS) sul mercato nazionale per finanziare lo sviluppo (decreto di nomina del Commissario Straordinario sull’Economia)
  • Creazione di una Banca Libera Italica (BLI) per la corresponsione di capitali agli imprenditori e lavoratori
  • Istituzione della Lira Italica a corso libero
  • Attribuzione di 1.200 Lire Italiche ad ogni capofamiglia residente in Italia, per eliminare il dimezzamento di stipendi e pensioni;
  • Controllo delle spese pubbliche, controllo delle compartecipate, eliminazione degli sprechi, verifica della documentazione necessaria per la richiesta dei fondi comunitari (nomina del Commissario)
  • Revisione dell’età pensionabile con 35 anni di versamento contributivo per i lavori usuranti, 40 anni per tutti i rimanenti lavoratori;
  • Revisione delle normative sui punteggi e sul grado di invalidità, che debbono prevedere maggiori controlli sulle delibere adottate;
  • Ristabilire i criteri per le graduatorie dei sussidi e ammortizzatori sociali (ad es. attribuzione delle case popolari), con precedenza alle famiglie italiane;  
  • Informatizzazione di tutta la Nazione italiana
  • Difesa del Made in Italia, dei prodotti tipici e delle sue eccellenze in specie nell’agricoltura e nell’artigianato
  • Certificazione di qualità, attestante per lo Stato, per ogni Regione e Comune la qualità del lavoro svolto da ogni funzionario o dirigente, al fine di non disperdere risorse ed energie
  • Abbattimento della burocrazia statale, regionale e comunale
  • Revisione della struttura dello Stato, perché siano ridotte al minimo inefficienze e carenze
  • Abbattimento delle tasse, soprattutto quelle che riguardano i rifiuti, il consumo dell’acqua, luce e gas e spese sanitarie, nonché detassazione delle filiere produttive per tutto il 2020;
  • Partite IVA: immediata liquidità di tutte le attività, con sospensione delle spese di utenza, IVA, accise, per tutto il 2020;
  • Rimborso alle imprese che vantano crediti nei confronti dello Stato entro luglio 2020;
  • Distribuzione gratuita di una certa quantità di acqua, bene naturale
  • Lotta alla corruzione politica, mediante la costituzione di unità interforze di polizia alle dipendenze delle Procure Provinciali della Corte dei Conti;
  • Divieto di formare Cooperative di Lavoro, contratti interinali e somministrati, con tirocini non retribuiti; prevedere l’obbligo di una retribuzione minima di 600 euro. Ritorno ai contratti collettivi nazionali di lavoro, con 3 mesi di prova e successiva assunzione a tempo indeterminato, con annessa agevolazione contributiva a carico dello Stato per 3 anni, al fine di incentivare nuove assunzioni e rimetter in moto tutte le filiere produttive;
  • Obbligo in tutti i settori della corresponsione del premio di produzione ai propri dipendenti sulla base della diligenza posta nella propria attività lavorativa e dei bilanci annui delle aziende, detraibile dalle tasse;
  • Controllo sulle importazioni dei prodotti che debbono eccellere per qualità;
  • Costruzione di “Case di Assistenza Sociale” (CAS) per l’eliminazione della povertà nel territorio dello Stato;
  • Eliminazione delle Case famiglia e assistenza domiciliare piena e totale a bambini e anziani;
  • Riapertura delle Case chiuse, con controllo igienico/sanitario da parte del servizio pubblico, e trattamento fiscale analogo a quello degli altri cittadini;
  • Realizzazione di “Itinerari per turismo qualificato”, con la collaborazione di operatori turistici, formati in scuole di specializzazione
  • Mercato del Lavoro: totale revisione del sistema fiscale, per liberare risorse per gli investimenti e, quindi, creare posti di lavoro. Attuazione di politiche imprenditoriali internazionali per indurre le aziende straniere ad investire in Italia
  • Apertura di tutti i Cantieri per risanare zone terremotate, rifacimento del manto stradale, messa in sicurezza di tutte le scuole, ristrutturazione di hotel e ristoranti
  • Divieto di affidamento di appalti e di subappalti a ditte che non hanno sede sociale nel territorio dello Stato
  • Introduzione di Home Restaurant per diminuire la disoccupazione
  • Totale revisione dell’istruzione, sostenendo i nostri giovani anche nei corsi master all’estero. Ottima retribuzione degli insegnanti con programmi scolastici aggiornati e orientati alle attuali esigenze del mercato del lavoro
  • Pieno riconoscimento della libertà medica in tema di medicina alternativa, sia come esercizio che come insegnamento universitario
  • Facoltatività nella scelta dei vaccini, senza imposizione di vincoli di alcun genere, nel rispetto della Carta dei diritti dell’Uomo
  • Organizzazione di un efficace sistema di prevenzione con cure a domicilio in specie per bambini e anziani; adozione di misure per la massima efficienza dei pronto soccorso e delle strutture ospedaliere, regolamentazione delle convenzioni con le cliniche private, imposizione di tempi ristretti per analisi cliniche
  • Avvio di uno studio di ricerca per frenare il cancro
  • Avvio di una Commissione, composta da esperti nel settore, non condizionati dalle case farmaceutiche, per frenare le epidemie virali
  • Utilizzazione di strumentazioni ad hoc per proteggere gli Italiani dalle eccessive radiazioni elettromagnetiche, attualmente in uso (telefonini, TV, Radio, impianti elettrici casalinghi e nei posti di lavoro, forni a microonde, frigoriferi, lavatrici, fono, ecc.)
  • Affidamento ad una Commissione di inchiesta per verificare l’esistenza e la pericolosità delle scie chimiche
  • Creazione di una Italia, Paese della Pace e Giardino ecologico, con nuovo Codice di tutela dell’ambiente, con l’istituzione di un Commissario straordinario
  • Uscita dell’Italia dall’ONU, in mano alle 5 potenze che hanno vinto la seconda guerra mondiale, USA, Russia, Cina, Francia e Inghilterra che hanno il potere di veto su tutto e hanno imposto Agenda 2030 per dominare i popoli e adesione ad una Nuova Organizzazione Mondiale che accolga tutti gli Stati, emarginati ed esclusi dalla gestione delle risorse ambientali;
  • Uscita dalla NATO, ormai inutile perché si sono esauriti i suoi compiti statutari;
  • Costituzione di un Dipartimento regionale per la protezione e le tutela degli animali e delle piante
  • Avvio della costruzione di una linea ferroviaria ad alta velocità, da Roma a Palermo
  • Avvio del “Progetto disoccupazione zero” (decreto allegato)
  • Nomina del Commissario straordinario per la lotta contro l’Ecomafia, con adozione del sistema del riciclo totale dei rifiuti mediante la “dissociazione molecolare”
  • Sostegno alle famiglie con disabili;
  • Affiancamento di 4 Angeli custodi ad ogni cittadino: Poliziotto di quartiere, Medico, Operatore ecologico, Assistente Sociale, che interverranno a richiesta di ogni cittadino attraverso un numero telefonico di soccorso (tele soccorso familiare) 24 ore su 24, e mediante l’attuazione del programma PIT (Pronto Intervento Tempestivo);
  • Recupero della fede cristiana e dei valori identitari del Popolo Italiano, mediante lo sviluppo di specifiche attività sociali e culturali
  • Istituzione di “Accademie delle Belle Arti” in ogni Regione, all’interno di “Città dell’Arte”, da realizzare con sale e mini appartamenti per gli artisti provenienti da tutto il mondo, per preparare e specializzare i giovani a tutte le attività artistiche (musica, canto, danza, pittura, scultura, cinema, ecc.)
  • Creazione dell’Ufficio Promozione dello Sport in Italia, per dare ulteriore slancio alle attività sportive nella regione in ogni settore, sia dell’atletica leggera che degli sport di squadra, come il calcio, il beach volley, pallamano, pallanuoto, pallacanestro, ecc.
  • Abolizione del bollo dell’auto, a seguito della sentenza della Corte di Cassazione
  • Imposizione alle Società elettriche dell’abbassamento dell’amperaggio degli elettrodomestici (frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, ecc.), per la riduzione dei consumi e degli importi delle bollette elettriche;
  • Distribuzione gratuita dei libri sino al primo biennio delle scuole medie superiori, con carico di restituzione a fine anno scolastico.

 

Roma, 9 maggio 2020

 

Il Presidente Nazionale

(Antonio Pappalardo)